Facebook post

RARE - Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione

R.A.R.E. è la prima Associazione in Italia che si occupa di tutela, recupero e valorizzazione delle razze-popolazioni autoctone di interesse zootecnico in pericolo di estinzione. Nata nel 2002 senza scopo di lucro, ha carattere culturale, ambientalista e scientifico. Promuove attività educative a tutti i livelli, acquisisce e divulga informazioni sulle razze e sul loro ruolo socio-economico. R.A.R.E. è affiliata alla Fondazione europea SAVE
RARE - Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione
RARE - Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione ha aggiornato la sua immagine di copertina.sabato, dicembre 9th, 2017 at 10:23am
RARE - Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione
RARE - Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione ha condiviso un link.giovedì, dicembre 7th, 2017 at 3:19am
RARE - Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione
RARE - Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione ha aggiunto 2 nuove foto.giovedì, novembre 30th, 2017 at 9:04pm
Nei censimenti la consistenza della Pugliese del Veneto è di solito accorpata a quella della popolazione podolica istriana, oggi nota come razza Istriana (vedi Taurus, 5, 2006).
Durante la prima guerra mondiale la vicinanza dell’area di diffusione della Podolica alla zona di guerra fece sì che questi bovini furono una parte importante dei quasi 700 mila buoi incettati dall’esercito per scopi bellici (Pirocchi, 1919).
Nel 1927 si contavano 255.000 capi (compresi 28.000 Istriani) e nel 1940 esistevano 220.419 capi di Podolica nell’Italia settentrionale, di cui 191.000 in Veneto e i restanti soprattutto in Emilia Romagna e Lombardia.
È da notare che nel 1940 la Podolica (allora indicata come Pugliese) con 634.381 capi era la seconda razza d’Italia, dopo la Bruna, ed il Veneto era la regione d’Italia che ne allevava più esemplari: 191.000, pari quasi al 35% dei capi totali, superando la Campania (122.422) e la Calabria (119.500), mentre la Puglia, pur dando il nome alla razza, aveva solo 41.782 capi.
Negli anni successivi mancano dati aggiornati sulla consistenza della razza, ma è registrato un costante calo del bestiame da lavoro nelle zone in cui era diffusa.
È difficile stabilire con esattezza il momento dell’estinzione di una razza, ma probabilmente la Pugliese del Veneto scomparve intorno al 1970, visto che, in un accurato rilevamento del 1973 nella provincia di Rovigo, non si riuscì a censire nemmeno un capo di questa razza.
RARE - Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione
RARE - Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione ha aggiunto 2 nuove foto.giovedì, novembre 30th, 2017 at 5:13am
Organizzato dalla Società Italiana di Patologia e Allevamento degli Ovini e dei caprini (SIPAOC - http://www.sipaoc.it) in collaborazione con il Centro regionale di monitoraggio parassitologico della Campania (CREMOPAR), Giovedì 7 dicembre 2017 dalle ore 9 alle 13 si terrà presso la sede del CREMOPAR - Località Borgo Cioffi – Eboli (SA), il simposio "L'allevamento Ovino e Caprino, il Latte e i Formaggi".
RARE - Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione
RARE - Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione ha condiviso il post di Bruna Alpina Originale.sabato, novembre 25th, 2017 at 9:36pm