«Non si poteva resuscitare quella razza, ma questo suino dal manto nero, il muso e le zampe anteriori bianche, è quello che gli assomiglia di più, per quanto possiamo ricavare da foto e testimonianze».

Riccardo Fortina della Facoltà di Agraria dell’Università di Torino per La Stampa
Articolo completo qui

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *