di Francesca Ciotola e Vincenzo Peretti

15 Maggio 2008

Anche quest’anno RARE, rappresentata dal Vicepresidente Vincenzo Peretti e dal socio Francesca Ciotola, ha partecipato al convegno organizzato nell’ambito della manifestazione “Giornate della Scienza, della Tecnica e dell’Ambiente”, lodevole iniziativa promossa dall’Istituto di Istruzione Superiore “Luigi Costanzo” di Decollatura (CZ). Il Vicepresidente ha presentato ad un pubblico giovanile interessato e sensibile al problema della biodiversità, la nostra associazione illustrando gli obiettivi preposti, i progetti realizzati e quelli in itinere e i rischi di incorrere in notizie tendenziose su razze che con ironia possiamo definire “Falsi d’autore” intendendo in tal modo razze ormai estinte che ritornano alla ribalta ad opera di persone che prive di scrupoli, approfittano della buona fede di un pubblico inesperto. Successivamente sono intervenuti i ricercatori del CdL in Medicina Veterinaria dell’Università Magna Graecia di Catanzaro che hanno affrontato diversi temi dell’avicoltura. In particolare Francesca Ciotola ha presentato la relazione dal titolo “La genetica nelle specie avicole”, Vincenzo Mastellone “Pet Therapy e animali non convenzionali”, Giuseppe Spinella “La biomeccanica dell’ala”, e Vincenzo Musella “I parassiti più frequenti nel pollame domestico”. Sono intervenuti anche Fabio Castagna e Alfredo Rippa, rispettivamente Responsabile Sanitario del CRAS di Catanzaro e Esperto della tutela Parchi e Riserve faunistiche, con le relazioni “Il ruolo del medico veterinario nella salvaguardia dell’avifauna selvatica all’interno del CRAS” e “Considerazioni su alcuni esemplari di uccelli rapaci transitati nel CRAS di Catanzaro”.
Al termine del convegno il Preside Giovanni Martello ed il Prof. Porto Bonacci hanno guidato i relatori in una visita del pollaio dell’Istituto professionale per l’Agricoltura e l’Ambiente dove è stato possibile ammirare ben 28 coppie di razze avicole ornamentali, italiane ed estere, comuni e rare allevate in purezza, con passione e cura. Un altro esempio del ruolo fondamentale svolto da allevatori appassionati nel recupero di animali minacciati da estinzione o scarsamente diffusi.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *