Quando

26.09.2009, ore 9.00 – 13.00

Dove

Guastalla (RE), presso la Chiesa di San Francesco in Via Gonzaga

Nella splendida cornice della fiera annuale di Guastalla, il 7° Convegno di RARE indirizzerà l’attenzione dei partecipanti sulla produzione e l’utilizzo della lana per la valorizzazione delle razze ovine locali. Allevatori e aziende di trasformazione della lana si confronteranno portando le proprie esperienze. Si parlerà di utilizzazioni tipiche della lana per la produzione di filati, feltri e tessuti legati alle antiche tradizioni ma vi saranno anche esempi di nuove utilizzazioni della lana, come ad esempio nell’edilizia oppure nelle cure termali. La valorizzazione della lana è un punto importante per il rilancio l’allevamento delle razze ovine autoctone anche se una grande quantità di lana viene ogni anno distrutta nel nostro Paese con importanti costi di smaltimento e implicazioni di carattere sanitario; di questo parleranno anche i veterinari dell’AUSL di Reggio Emilia. Il convegno sarà anche l’occasione per verificare lo stato di alcune razze ovine autoctone italiane. Nel corso del convegno, RARE si farà inoltre portavoce del messaggio relativo alla Giornata Europea dell’Agrobiodiversità (European Agrobiodiversity Day), promossa dalla fondazione svizzera SAVE, utilizzata quest’anno per lanciare e pubblicizzare la creazione di Guida virtuale online (ArcaNet) sulla biodiversità agricola europea. Si tratta di un importante strumento indirizzato alla tutela e salvaguardia di tutte quelle razze e varietà locali oggi minacciate di estinzione ma portatrici di caratteristiche uniche e peculiari.

Di seguito i titoli delle relazioni:

Utilizzo della lana per la valorizzazione della razze ovine autoctone: esperienze a confronto

Razze ovine autoctone italiane per la produzione di lana.Riccardo Fortina (Università di Torino – Presidente RARE)Esperienze di valorizzazione delle lane delle razze ovine autoctone delle Alpi centro-occidentali (Bergamasca/Biellese, Brianzola, Sambucana, Rosset).Michele Corti (Università di Milano)Diversificazione produttiva e recupero di tradizioni legate alla lana di pecora Zerasca.Cinzia Angiolini (Consorzio di valorizzazione dell’Agnello e della. Pecora Zerasca)Lo smaltimento della lana.Andrea Iotti, Carlo Alberto Alberti (AUSL di Reggio Emilia)Impiego della lana in edilizia.Josephine Errante (RARE), Alessandro Martini (Operatore del settore)Progetti per la salvaguardia e la valorizzazione della razza suina CasertanaAlberto Rossetti e Gianfranco IannicelloLa lana delle razze ovine Alpagota e Brogna.Emilio Pastore (Università di Padova)

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *